fbpx
Come aiutarci durante l’anno

L’Associazione Bastardini nasce da un gruppo di volontari che per anni ha operato nei canili della Provincia di Torino. Il nome che abbiamo scelto, Bastardini, ben esprime verso chi è rivolta la nostra attenzione: a loro, ai bastardini, ai meno fortunati, quelli che si sono ritrovati di punto e in bianco su una strada, senza famiglia, quelli che non vantano il pedigree e nemmeno una bellezza “canonica” da calendario. Anche se poi sul nostro calendario ad essere ritratti sono proprio loro!

Dal 2004 gestiamo una struttura che abbiamo chiamato “il Bau” per farne la sede operativa dell’Associazione, al fine di ospitare cani in difficoltà alla ricerca di una famiglia (vai a IL RIFUGIO).

L’Associazione, ispirandosi ai principi della solidarietà umana, si prefigge come scopo di:

  • promuovere il benessere degli animali riconoscendoli come portatori di Diritti;
  • migliorare la qualità del rapporto col mondo animale temperandone le sofferenze prodotte da una detenzione coatta in canili presenti sul territorio;
  • favorire l’adozione degli animali presenti nelle strutture con particolare attenzione ai soggetti più svantaggiati, perché anziani o malati;
  • sensibilizzare e coinvolgere la pubblica opinione sul significato dell’impegno volontario, evidenziandone l’importanza e la funzione sociale;
  • creare e gestire una struttura-rifugio atta ad ospitare casi di animali in situazione di gravità per cause diverse (handicaps sensoriali, condizioni di patologia cronica, sovraffollamento di altre strutture);
  • promuovere attività culturali sulle tematiche ambientali e animaliste al fine di sviluppare forme di solidarietà e di rispetto verso l’ambiente naturale in cui viviamo e verso ogni forma di vita….

Il rifugio nasce in una struttura all’inizio in disuso e fatiscente, ma adatta ad ospitare ben 100 cani. Nonostante le evidenti difficoltà, è stata una tentazione troppo forte… così ci siamo lanciati in questa impresa, con la consapevolezza che la gestione di questa struttura avrebbe potuto costituire una maggiore capacità di azione. In questo modo è nato “Il Bau”